giovedì 19 giugno 2008

Radiohead: cronache di una giornata senza precedenti

18 giugno 2008. Verso Milano

h 11:45
Mangio ciliegie, penso e ascolto. E ho voglia di fumare.

h 12:05
Tra 8 ore, la mia prima volta. Avevo smesso di ascoltare i Radiohead per un anno e mezzo, tanto era il coinvolgimento fisico ed emotivo, in cuor mio quasi spero di incontrarlo. Ho ricominciato a mettere su Hail to the Thief durante il trasloco da via Padova al Pigneto, prima di passare l'ultima estate da paranoica, prima di settembre, prima di ritrovare le farfalle nello stomaco, a Madrid. Ma cazzo..l'acustica blu e le colonne sonore in macchina. La prima volta, con The Tourist, una delle rarissime volte in cui ho perso proprio i sensi, in cui non c'erano responsabilità, ripensamenti, cautele..
E però, sono passati 3 anni e poco più, scotta ancora, i grandi amori sono così. Ho adrenalina a palate, non ci sto ad intristirmi stasera. Neanche se penso che in questi tre anni non ho costruito nulla, sentimentalmente parlando, ma sono stata solo capace di distruggere. Senza che le cose mi toccassero. Sono diventata ignifuga...ma stasera, cazzo stasera! Pretendo lo scossone emotivo, di quelli che ti cappottano.
Stasera vado a vedere i Radiohead.

h 16:30
Ho appena letto TRIBUNA B sul mio biglietto. Da novembre sono convinta di aver preso prato. Sono rincoglionita. Mio diooo. Porca troia.
Non è destino. O forse è destino che stia sola, anche stasera.
Nel frattempo..dalla prossima rivale ai quarti di finale, arriva la dedica in anticipo di House of Cards. Che nervi...c'è gente, tanta. Alcuni in fila. Nicko e gli altri ancora non si vedono..e io aspetto. Mi sto per sentire male..giuro.

h19:20
Se non iniziano mi metto a piangere...

h 20:25
Inganniamo l'attesa. Ok, ci si può anche vedere dopo..ma tu comunque sei là in mezzo, bene accompagnato, e avrai qualcuno che abbraccerai durante le canzoni lente. Coppiette malefiche.
Volevo lo scossone emotivo? Eccolo qua. Ho lo stomaco sotto sopra. Daje, sonateee.

h 20:40
Rettifica. Niente abbracci. Deo gratia. Cominciamo, va.


19 giugno 2008

Già di ritorno.
Chiaro che dalle tribune non è stata la stessa cosa. Ho sofferto come un cane, a vedere quelli che stavano là sotto..però il colpo d'occhio era mervaglioso.
Due ore e passa di strazio. Nel senso che sono stata proprio male..partecipazione al 100%, vissuto fino all'ultima nota, pelle d'oca continua..pensieri, idee, realizzazione di come cazzo sonano sti qua..immensi. perfetti. fantastici. Un concerto della madonna.
Hanno fatto The Tourist..non ci potevo credere.
E anche Just..mio dio.
Thom Yorke è un genio ragazzi. Lo sapevo già, ma stavolta..ha pure fatto un pezzo inedito, dove lui ha suonato la batteria.
Fantaincredibilemeravigliosoeccezionale.

Durante il concerto, due tipi di Bergamo mi hanno fatto compagnia soffrendo insieme a me..anche se a un certo punto volevo ucciderli..si tiravano la birra e urlavano stronzate...e poi, la mano durante paranoid android proprio no..ma poi che fai, passi sempre da stronza??

Nottata in quel di Brescia, a casa frenulo da Nicko e Dani..corsa in stazione in mattinata e rientro a Milano.

Colazione. Da Tiffany. Con lui.

Bene. Dopo lo scossone emotivo, non resta che prendere atto del totale superamento della crisi. E' fatta. Sono ormai immune. Sono guarita! Ed è stato molto bello...ora posso ripartire bene. Ora so che ce la posso fare.
Ci è voluto un concerto dei Radiohead, cristo. E quasi tre anni.

Ma è fatta.

Ultime due giornate bolognesi..e poi mare.

3 commenti:

Fabio-Tommy ha detto...

c'ero anche io. sotto.Brividi e pelle d'oca.
http://fabio-tommy.blogspot.com/ (foto)

LaMari ha detto...

Aje ssi celli Sa!!!!
Te doesse fa male?????

L'Angelo Mysteryoso ha detto...

'Ultime' un cazzo!