mercoledì 24 settembre 2008

Ci vorrebbero più coca&rum, sicuramente


"L'ultima volta che ricordo di averti visto alle prese con uno, era con il tipo in Salento"

libera traduzione (il copyright è di Perù)

E comunque, il succo è: si può regredire ai beati quindici anni? Sì, si può. E a detta di qualcuno è pure bello. Bellissimo.


Premessa: in Salento ci siamo state nell'agosto del 2005. Anni passati: 3. Età dell'epoca: 22. Età attuale: 25, quasi 26 va beh..
Il tipo in questione era molto probabilmente gay. E se anche non lo fosse stato, la scusa è più che buona no?

Ricomincia la stagione dei concerti, dei luoghi al chiuso, della musica che fa da sottofondo alle chiacchiere da donne e che, puntualmente, si stoppa mentre stai gridando OH, E' LA' SI E' APPENA GIRATOOO! Come? Non ti sento! NO NO, NON TI GIRARE,ASPETTA ECCOOOLO OO LA'...e la canzone finisce.

Risate.

Ricominciano i tempi del vorrei ma non posso, vorrei ma non ci riesco, vorrei ma devo guidare e per arrivare fino a qua, cioè per fare 1 km in linea d'aria, ci siamo perse per via Carracci e poi c'è Sirio, c'è Rita e tutti i santi. Vorrei ma poi chissà che succede. Vorrei fumare, ma in realtà ne ho già fumate 14. Vorrei..ma sì ora vado. Ecco, proprio adesso doveva spegnersi tutto. Va beh...no no non vengo.

Sei un'idiota! Ma che t'è successo!

Poi, tanto per rendere orgoglio alle mie unghie, ora dipinte di nero (i 15 anni ci sono proprio TUTTI!), svolazza una manina in un corridoio, volante sfuggente timida. E di scene così ne ho fatte tante, quindi siamo in linea (fedeli alla). Un po' come "le luci", mentre cercavo forse di organizzare una gita fuori porta natalizia.

Due occhi giganti, sgranati. Paura terrore e soprattutto: INVISIBILITA'!
Perchè se io dico CIAO, caspita uno si aspetta che l'altra persona risponda, o quanto meno si giri..no?

Va beh, comunque tutto questo contorto giro di parole sta solo a sottolineare il fatto che un tempo, quando bevevamo coca&rum, si concretizzava di più. Soprattutto poi se in mano hai il suddetto coca&rum, capelli verdi finti, una faccia da straniera ubriaca che non è proprio tanto sicura di quello che fa e nell'accento quasi non sembra italiana ma gallega. O se dopo un piantarello sei già pronto a mandare un sms con scritto: domani vieni a studiare da me?

Quindi: la prossima volta guidi tu e io bevo. Bevo perchè altrimenti cazzo non si può. Che poi..sto telefonando anche al padreterno, stringo mano a onorevoli e manager. Mi presento con sicurezza snocciolando un cognome che, volenti o nolenti, ti rimane in mente visto che tutti sono ancora convinti che sia un soprannome. E invece...

Effettivamente guardare nel vuoto non è un buon auspicio. E poi chissà, chissà quante, dove, chi e perchè. Però, devo ammettere, che tutto sommato è divertente.

1 commento:

perù ha detto...

Oh cavolo, la scena madre di tutte le serate passate con te è stata sicuramente quella di ieri con la tua mano alla piripiri(proprio quella che ti avevo smaltato io poi!). No. Non ci posso credere...proprio no...non cresciamo...sempre uguali...la prox volta guapa si veste di arancione come al tempo, così siamo sicure che la gente la vede e risponde ai suoi saluti!MITICA!