lunedì 22 settembre 2008

occhi freddi (e sogni di bambina)

Cuando te conoci
me enamorè de tu mirada
ya sacarà alguien ese brillo de tus ojos
y me alegrarè por tì

Tengo grabada una imagen tuya
que recordarè siempre
Te apretabas contra la almohada
en tu casa de Malasana
y me mirabas como una nina timida
con esos ojos


Io vorrei tatuarmi un occhio.
Mentre un sogno di bambina oggi si è realizzato. E' piccolo piccolo, magari isnignificante. Ma è lì. E io ne sono tanto felice.


Grazie, comunque...a volte credo proprio di non meritarmi queste parole.

3 commenti:

LaMari ha detto...

Non ho ben capito se questa poesia è stata scritta per te...e se sì...DA CHI????
Brutta porcona con ojos de niña...

perù ha detto...

mi chiedo: dopo che qc ti ha penetrato così nello sguardo, perchè vuoi chi parla con te e fissa nel vuoto?

Scheggia ha detto...

mari! la prossima volta che posti un commenti scurrile tocca chiamare il moderatore...per bloccarti!! Non è una poesia..ma messa così, in corsivo e su varie righe lo sembra vero? beh..chi è che scrive dal paese dove si mangia la paella??:-)

perù...come al solito parli poco ma ci azzecchi. Il prossimo post sarà divertente...!