sabato 11 luglio 2009

flash




Ennesimo corteo dell'onda.
Ore 22.15: cerco di tornare a casa passando per via Zamboni. Sotto le due torri, all'imbocco della strada, tre furgonette della polizia.
Chiedo: "Posso passare?"
"Ah, veda lei. Magari in bici la lasciano passare"
"Beh, si, vado tranquilla"
"Stia attenta. Soprattutto alla catena"
"La catena? E perchè mai?"
"Magari gliela prendono e poi ci picchiano qualcuno, o lei stessa"
"Ma su, ma che dice. Vado che è meglio"
"Buona fortuna"

A parte toccarmi in posti a sinistra e comunque antisfiga, mi chiedo: ma che lavaggio del cervello ti fanno quando entri in una qualsiasi delle forze dell'ordine?

Mah


Nel frattempo è iniziata la vita di redazione, ne sono felice. Anche se, proprio come un anno fa, fatico a trovare tempo per fare normali azioni quotidiane..e a volte ti domandi se tutti questi sacrifici, prima o poi, serviranno a qualcosa.

Come spesso accade, con cadenza direi trimestrale, ho reale mancanza nonchè bisogno viscerale delle mie ragazze. Mi dispiace non passare l'ennesima estate con voi, le cene all'aperto, le domande insistenti su "cosa fare stasera". Marta ha ragione: ho bisogno di dieci giorni montegranà-citanò e viceversa.
Santa donna, sante parole.


Speriamo almeno di riuscire a vedere i Tv on the Radio, il 21 luglio a Ferrara.

Abbiamo appena fatto una bella merenda in ufficio con focaccia ligure e spumante. E si cazzeggia, è sabato.
Un anno fa, Roma..bello ricordarselo. Magari faccio un salto prima o poi.

Chiudo con un sospiro di sollievo: habemus terza coinquilina. Meno male: girl power. Basta nullafacenti pigri e comodi.

Buona domenica

2 commenti:

Mrzina ha detto...

già... che ne è del tuo weekend nella Marca??

alessandra ha detto...

come ti ho già detto ieri...just call me, whenever, whatever for!
habemus flatmate!big hug
xù@BS